Perché l’antisemitismo è poco presente nell’agenda di Davos?

I partecipanti al World Economic Forum di Davos, in Svizzera, hanno parlato a lungo di intelligenza artificiale, guerra in Ucraina, elezioni americane, cambiamento climatico e altro ancora.

Ma un argomento che domina molte discussioni tra i leader economici e politici statunitensi è stato in gran parte assente dall’agenda ufficiale: il crescente antisemitismo dopo gli attacchi del 7 ottobre guidati da Hamas contro Israele. Alcuni dirigenti stanno lavorando per cambiare la situazione.

All’ordine del giorno è previsto un solo panel per discutere l’argomento tra le centinaia di presentazioni del forum.

Tra i relatori presenti alla sessione di questo pomeriggio figurano Doug Emhoff, marito della vicepresidente Kamala Harris; Michal Herzog, moglie del presidente israeliano; e Jonathan Greenblatt dell’Anti-Defamation League. (Isaac Herzog, presidente di Israele, ha parlato questa mattina.)

«Sono deluso dal fatto che qui non si parli più di antisemitismo» Leon Kalvaria, presidente del gruppo clienti istituzionali di Citigroup e partecipante di lunga data a Davos, ha detto a DealBook. “Spero che l’argomento venga sollevato maggiormente nel corso della settimana perché i leader sia del settore privato che di quello pubblico hanno una reale responsabilità non solo di chiarire che questo tipo di intolleranza è inaccettabile, ma anche di discutere l’impatto reale che ha Intorno al mondo.»

Altri dirigenti stanno sollevando la questione in privato. Martedì c’è stata una proiezione privata di un film di 47 minuti, montato dall’esercito israeliano, sugli attacchi del 7 ottobre, che secondo i militari è stato tratto in gran parte da filmati girati dagli aggressori.

«Davos in genere è una conferenza piena di speranza, ma questo terribile filmato ha lasciato il pubblico nel caos», ha detto Greenblatt a DealBook. «La gente usciva dalla stanza in silenzio, piangendo o semplicemente sotto shock.»

Mercoledì Palantir ha tenuto un evento con i parenti degli israeliani tenuti in ostaggio dopo gli attacchi del 7 ottobre. La sessione “non registrata” è stata ospitata da Alex Karp, amministratore delegato della società di consulenza dati, ma Bloomberg e Jewish Insider ne hanno subito parlato. Tra i dirigenti che secondo quanto riferito hanno partecipato c’erano Andy Jassy di Amazon; il magnate della tecnologia Michael Dell; Martin Sorrell, il dirigente pubblicitario; Ruth Porat, direttore finanziario di Alphabet; e Nicola Mendelsohn, capo del gruppo aziendale globale di Meta.

«L’antisemitismo come forma di pregiudizio è sempre stato il canarino nella miniera di carbone perché la vostra società non funziona», ha detto Karp ad Andrew sulla CNBC.

Davos ha una lunga storia nell’evitare argomenti delicati, cercando di compiacere i paesi e le imprese che non vogliono essere coinvolti nei dibattiti politici. Un esempio sono le questioni LGBTQ, che sono rimaste fuori dall’agenda del forum per anni.

In privato, gli amministratori delegati sono preoccupati, secondo Greenblatt. “Sto ascoltando gli amministratori delegati in disparte. Vogliono parlare di antisemitismo”, ha detto a DealBook.

Ha aggiunto che alcuni dirigenti hanno affermato che mentre altri gruppi minoritari hanno ricevuto effusioni di sostegno dopo l’omicidio di George Floyd e la violenza anti-asiatica americana, i telefoni dei dirigenti e dei colleghi ebrei non hanno squillato. «E francamente, non stanno ancora suonando», ha detto.

Apple rimuoverà una funzionalità dai suoi orologi dopo aver perso una battaglia sui brevetti. Da oggi l’Apple Watch Series 9 e il Watch Ultra 2 del colosso tecnologico verranno venduti senza sensore di ossigeno nel sangue funzionante. La decisione arriva dopo una sentenza della Commissione per il commercio internazionale secondo cui Apple ha violato i brevetti detenuti da Masimo, una società di tecnologia medica. Un tribunale ha respinto la richiesta di Apple di ritardare il divieto di vendita fino a quando non verrà emessa una sentenza sul suo appello contro la decisione della commissione.

TSMC prevede una forte crescita nel 2024 grazie al boom della domanda di chip AI. Il più grande produttore di chip a contratto del mondo ha affermato che i ricavi aumenteranno fino al 25% quest’anno poiché le aziende spendono molto nell’intelligenza artificiale. L’azienda taiwanese ha inoltre avvertito che prevede ritardi nella costruzione del suo secondo impianto di produzione in Arizona e ha espresso dubbi sui piani per produrre lì i suoi chip più avanzati.

Sheryl Sandberg lascia il consiglio di amministrazione di Meta. Il dirigente di lunga data e stretto consigliere di Mark Zuckerberg, fondatore di Meta, si è dimesso dalla carica di COO nel 2022, dopo una serie di controversie sulla gestione della disinformazione e dell’incitamento all’odio da parte del colosso dei social media sulle sue piattaforme. Sandberg ha detto che rimarrà consigliere dell’azienda.

Gli investitori che sperano in un rimbalzo di Davos probabilmente si sentono delusi.

Negli ultimi giorni le azioni sono state sulle montagne russe e una serie di amministratori delegati di Wall Street, nonché Christine Lagarde, presidente della Banca centrale europea, stanno inviando un messaggio agli investitori delle Alpi svizzere: non scendere con gli sci e presupponiamo che i tagli dei tassi di interesse siano imminenti.

Commercianti Sono ritirando le loro scommesse su una mossa della Fed. Le probabilità di un taglio dei tassi a marzo sono del 61%, in calo rispetto al più fiducioso 96% all’inizio di gennaio. Ma le prospettive più moderate sono ancora troppo ottimistiche, ha detto a Bloomberg Ron O’Hanley, amministratore delegato di State Street. “La Fed è stata molto chiara nel suo dot plot”, ha detto, “e non so perché i mercati abbiano deciso di raddoppiarlo e poi di andare in città su questo”.

I mercati si sono ripresi alla fine del 2023 e l’S&P 500 ha sfiorato un livello record. L’impennata è stata alimentata da spera che i banchieri centrali abbiano finito di alzare i tassi e che una nuova fase di riduzione dei costi di finanziamento sia vicina. Ma i banchieri centrali hanno invitato alla cautela da quando Jay Powell, il presidente della Fed, ha segnalato il mese scorso che tre tagli dei tassi sarebbero stati probabili nel 2024.

Lagarde ha lanciato il suo ultimo avvertimento a Davos mercoledì, affermando che le scommesse rialziste degli investitori sono potenzialmente dannose. “Non aiuta la nostra lotta contro l’inflazione”, ha affermato, contribuendo a innescare una svendita di azioni e obbligazioni.

I messaggi contrastanti sull’economia statunitense contribuiscono ad aumentare la confusione. Secondo gli ultimi dati sulle vendite al dettaglio, i consumatori stanno ancora spendendo e ciò potrebbe ostacolare gli sforzi della Fed per ridurre l’inflazione. Allo stesso tempo, il mercato del lavoro sta cominciando a rallentare in alcune parti del paese, ha mostrato l’indagine “libro beige” della banca centrale, pubblicata mercoledì. Ciò potrebbe avere l’effetto opposto sui prezzi.

Alcuni a Wall Street ritengono che l’inflazione abbia raggiunto il picco. Gli analisti di Morgan Stanley, UBS e Barclays prevedono che l’inflazione core, che esclude cibo e carburante, diminuirà maggiormente quest’anno. Questa settimana, Barclays ha spostato la sua richiesta per il primo taglio dei tassi a marzo da giugno.

Avanti il ​​prossimo: Lagarde parlerà di nuovo oggi, così come Raphael Bostic, presidente della Fed di Atlanta. Bostic ha fatto notizia il mese scorso quando ha affermato che l’inflazione era ancora troppo alta e che non vedeva alcuna “urgenza” di abbassare i costi di finanziamento, pochi giorni dopo che Powell aveva dichiarato che quest’anno erano sul tavolo l’equivalente di tre tagli dei tassi.


Mercoledì i giudici della Corte Suprema hanno ascoltato le argomentazioni in due casi che coinvolgono pescatori commerciali che potrebbero limitare il modo in cui le agenzie federali regolano gli affari. Il risultato: la maggioranza conservatrice della Corte è sembrata favorevole alla tesi secondo cui sono necessari cambiamenti alla struttura del potere normativo di Washington.

I casi rappresentano una prova importante della cosiddetta deferenza Chevron. La dottrina pluridecennale è diventata un fondamento del diritto amministrativo. Stabilisce che sono le agenzie a interpretare le leggi nelle loro aree di competenza e che i tribunali hanno poco potere per contestarle. Dopo tutto, “le agenzie sanno cose che i tribunali non sanno”, ha detto il giudice Elena Kagan, aggiungendo, “questa è la base della Chevron”.

Kagan ha affermato che eliminare questo principio sarebbe dirompente, perché 70 decisioni della Corte Suprema e altre migliaia nei tribunali di grado inferiore si basano su di esso.

I critici dicono che Chevron dà alle agenzie troppo potere. Il giudice Neil Gorsuch sostiene che la deferenza della Chevron finisce per danneggiare i più vulnerabilicitando “l’immigrato, il veterano che cerca i suoi benefici, il richiedente l’invalidità della previdenza sociale, che non hanno alcun potere di influenzare le agenzie”.

Detto questo, potenti voci conservatrici, incluso il miliardario Charles Koch, vogliono vedere la dottrina sventrata. E la Camera di Commercio ha sostenuto in un amicus brief che la dottrina ha contribuito all’esagerazione delle agenzie e all’esplosione di regole che impongono “costi astronomici” alle imprese “che raggiungono fino a 1,9 trilioni di dollari all’anno”.


Ken Langoneco-fondatore di Home Depot e importante sostenitore di Nikki Haley, sulla possibilità di dare più soldi alla sua campagna in vista delle primarie repubblicane nel New Hampshire la prossima settimana.


Mercoledì Amazon ha dichiarato che acquisterà una quota di minoranza nel più grande operatore di reti sportive regionali del paese, intensificando una competizione più ampia da parte di Big Tech per trasmettere partite in diretta di alcuni dei più grandi campionati professionistici.

Il colosso della tecnologia investirà 115 milioni di dollari in Diamond Sports Group, che è in bancarotta e che trasmette circa un terzo di tutte le partite della Major League Baseball, NBA e NHL in alcuni dei più grandi mercati mediatici del paese sotto la bandiera di Bally Sports. Amazon otterrà i diritti per mandare in onda le partite di più di 40 squadre.

Amazon è passata agli sport dal vivo nel 2017, quando ha acquisito i diritti sulle partite del giovedì sera della NFL. Da allora si è espanso nel calcio in Europa e Nord America. Anche Apple, YouTube e Meta hanno speso miliardi per lo streaming di sport, inclusi giochi NFL, calcio e tennis.

I problemi di Diamond sono stati attentamente monitorati dal mondo dei media sportivi. Sinclair Broadcast Group ha acquisito la società da Disney per 10,6 miliardi di dollari nel 2019. Ma la pandemia di coronavirus e un più ampio spostamento dei consumatori verso le piattaforme di streaming hanno martellato le reti sportive regionali.

La società ha dichiarato fallimento lo scorso marzo, schiacciato da un debito di 9 miliardi di dollari. Ciò ha portato alcune squadre a provare a spostare i propri giochi su canali in chiaro. Altri, come i Phoenix Suns e gli Utah Jazz, hanno effettivamente cercato di diventare emittenti trasmettendo giochi in streaming sulle proprie piattaforme.

La spinta di Amazon nei mercati locali potrebbe essere mirata ad andare oltre il suo tipico gruppo demografico, con alcuni analisti che affermano che la crescita di Amazon Prime è a rischio di stallo. Anche se le offerte per le squadre sportive regionali raggiungono solo relativamente pochi consumatori, l’azienda potrebbe comunque considerare una vittoria se spingesse più persone a iscriversi a Prime.

L’accordo dovrà essere approvato da un giudice fallimentare come parte dell’accordo di ristrutturazione di Diamond.

Offerte

  • Secondo quanto riferito, Bobby Jain, l’ex deal maker del Credit Suisse, mira a lanciare un nuovo hedge fund a luglio con un patrimonio compreso tra 5 e 6 miliardi di dollari, non riuscendo a raggiungere il suo obiettivo di raccolta fondi. (FT)

  • L’ex capo economista cinese di Citigroup è tra coloro che, secondo quanto riferito, lasceranno la banca nel contesto di una ristrutturazione più ampia che dovrebbe comportare migliaia di tagli di posti di lavoro. (Bloomberg)

  • Amancio Ortega, fondatore del rivenditore spagnolo di fast fashion Zara, sta progettando di trarre profitto dalla crisi immobiliare espandendo le sue partecipazioni immobiliari commerciali. (FT)

Politica

Meglio del resto

  • “Fare dell’ESG un crimine” (Opinione di Bloomberg)

  • Perché la Germania, una volta una potenza, si trova in una situazione economica difficile? (NYT)

Ci piacerebbe il tuo feedback! Si prega di inviare pensieri e suggerimenti via e-mail a dealbook@nytimes.com.